Tu sei neve, io sono fuoco.
tu sei neve io sono fuoco

Tu sei neve, Io sono fuoco.

Trama

Grace Bell era una sognatrice. Amava il Natale, le luci calde che scaldavano il cuore e la neve fitta che cadeva come polvere di stelle. Adorava perdersi nella trama di un libro, in storie lontane dalla sua realtà.
L’amore era il suo più grande enigma. Abitudinaria e leggermente pigra, si preparava a trascorrere le feste nel tepore della sua casa, poltrendo allegramente. Ma una chiamata scombussolò tutti i suoi piani. Il destino piombò nella sua vita con la forza di un uragano, e lei non poté fare altro che assecondare il suo volere. Finalmente divenne la protagonista del suo romanzo e su una giostra continua di emozioni, Grace scoprì sé stessa e…

Prologo

Rivoli di pioggia incominciarono a scendere scoordinati sui finestrini dell’auto sportiva, che avanzava sulla strada a tutta velocità. Era una serata d’inverno fredda e tremendamente piovosa. Il mal tempo permetteva ancor di più ai due passeg­geri, di dimenticarsi del mondo e prestare estrema atten­zione semplicemente a loro. Grace non si capacitava di essere salita di sua spontanea volontà su quella macchina, ma quello che la lasciava ancor più allibita, fu che non se ne fosse mai pentita. Non cono­sceva neanche la destinazione ma in fondo non le importava; si fidava ciecamente della persona che guidava, anche se la conosceva appena. L’orologio sembrava essersi fermato, ep­pure tutti procedevano con le loro vite come se nulla fosse. L’universo circostante non esisteva più e da quella sera qual­cosa o tutto sarebbe cambiato per lei. Grace sentiva il profumo che la invadeva, la sua incontenibile agitazione e la presenza che le era accanto. Per quanto cercasse di stare il più lontano possibile da lui, almeno fisicamente, lo avvertiva come nulla e nessuno prima di allora. Il suo cellulare finì in fondo la borsetta e ne fu tirato fuori, solo molte ore più tardi. Sapeva che qualcosa non andava, non era mai stata così o non era mai stata lei fino ad allora; ma continuò a far finta di niente, finché ci fosse riuscita. Per quanto provasse a respingerlo e a tenerlo a debita distanza, lui emotivamente si infiltrava sempre più a fondo; lascian­dola così disarmata, per la prima volta in tutta la sua vita.

 

tu sei neve, io sono fuoco.

Torna alla Home.